Ospedale del Mare in zona rossa, il rischio vulcanico divide

1 05 2013

I comitati: «È come avere, in guerra, una portaerei e non poterla usare». Cosenza: ma la vita non si può fermare

NAPOLI – «Costruire l’ospedale del mare in zona rossa è come avere una portaerei che, in caso di guerra, non potrà essere utilizzata». Vincenzo Morreale, rappresentante del comitato cittadini di San Giovanni a Teduccio ci spiega perché alcuni cittadini ed esperti si siano opposti, in questi anni, alla costruzione di un ospedale di migliaia di metri quadri alle pendici del Vesuvio. «In caso di esplosione vulcanica non solo l’ospedale non potrà essere raggiunto da eventuali feriti, ma dovrà addirittura essere evacuato». Ma l’assessore Cosenza replica: «Probabilità di eruzioni significativa sono bassissime. E la vita non si può fermare».

Vai al video

 

fonte: corriere del mezzogiorno

Annunci

Azioni

Information

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: